Per quali lavori puoi richiedere gli incentivi 2021

Per quali lavori puoi richiedere gli incentivi 2021

Quali lavori di efficientamento energetico e di isolazione ti danno diritto a richiedere gli incentivi 2021? Puoi chiedere anche le detrazioni?

Le categorie degli incentivi 2021

Vediamo nel concreto quali sono le categorie e i lavori di ristrutturazione per i quali è possibile, o non è possibile, richiedere incentivi 2021 e le detrazioni fiscali.

Prima però, bisogna parlare di un concetto importante che ti diventerà familiare: il coefficiente U. Il coefficiente U è quel parametro che indica semplicemente quanto calore viene disperso, in un metro quadrato di un singolo elemento (per esempio il tetto, una finestra etc.), in caso di variazione della temperatura. In poche parole significa che più il coefficiente U è basso, meno calore viene disperso e quindi vuol dire che l’isolamento termico dell’elemento è buono.

Per i miglioramenti dell’isolamento termico di un edificio, il Cantone stanzia un incentivo di 60 CHF al metro quadro di ogni singolo elemento costruttivo, a queste condizioni:

  • Tetto: deve avere un Coefficiente U pari o inferiore allo 0.20 W/m2K. Viene calcolata la superficie netta isolata. Gli incentivi sono previsti sia per i tetti piani che per i tetti a falde. In quest’ultimo caso, l’isolamento termico deve essere inserito all’interno della falda stessa.
  • Facciata: deve avere un Coefficiente U pari o inferiore allo 0.20 W/m2K.
  • Muri verso terra, interrati fino a 2 metri: devono avere un coefficiente U pari o inferiore allo 0.25 W/m2K.
  • Pavimenti esterni: devono avere un coefficiente U pari o inferiore allo 0.20 W/m2K.
  • Sostituzione finestre: questo lavoro è incentivato solo se viene risanata anche la rispettiva superficie di facciata o, nei casi dei lucernari, la parte del tetto in cui sono inseriti. Se invece la facciata o il tetto sono già ben isolati al momento della richiesta di sostituzione finestre, queste ultime non saranno ammesse al PRB. Le facciate rifatte completamente a vetrate sono ammesse. Le finestre devono avere un coefficiente Uvetro pari o inferiore a 0.70 W/m2K.
  • Porte: le porte d’ingresso dell’edificio non sono ammesse in nessun caso agli incentivi. Invece le porte che non sono adibite a ingresso e quelle interamente in vetro (per esempio le porte dei balconi) possono ricevere gli incentivi.

La domanda che sicuramente ti sarai posto è: ma chi calcola questi coefficienti? E come si fa? Niente panico! Il nostro consiglio è di affidarti all’aziende che ti farà i lavori e che può fornirti tutte le informazioni necessarie per richiedere gli incentivi.

Oltre alle categorie elencate sopra, ecco altri lavori che possono godere degli incentivi del PRB.

  • Camini
  • Impianti a pellet oppure impianti di stufa a legna
  • Elettrodomestici
  • Pannelli solari termici e fotovoltaici
  • Sistemi di riscaldamento
Categorie lavori incentivi

Le detrazioni fiscali

Incentivi e detrazioni fiscali non sono la stessa cosa. Gli incentivi sono i soldi che il Cantone dà a chi effettua lavori di risanamento energetico e di isolamento termico alla propria abitazione; le detrazioni fiscali, invece, danno semplicemente la possibilità di pagare meno tasse a chi effettua lavori di manutenzione o di ristrutturazione che però non riguardano l’efficienza energetica della casa. Dal 2021 gli incentivi possono essere richiesti tramite compilazione e invio di documenti in formato digitale (li vedremo insieme nei prossimi capitoli), mentre le detrazioni possono essere richieste tramite le dichiarazioni sul reddito che si effettuano a fine anno (tramite commercialista o moduli auto compilati). Puoi sempre richiedere sia gli incentivi che le detrazioni.

Oltre agli incentivi per lavori di risanamento energetico, hai diritto a richiedere alcune detrazioni fiscali per i lavori di ristrutturazione (non legati al risanamento energetico della tua abitazione). In linea di principio, sono detraibili tutte le spese che il proprietario di casa ha sostenuto durante l’anno dei lavori e in vista di essi. In particolare:

  • Spese di amministrazione: sono tutte quelle spese fatturate da terzi e sostenute dal proprietario, che quindi potrà dimostrare di averle sostenute attraverso fatture, scontrini, bollettini etc. (ricordati di conservarli tutti).
  • Spese di manutenzione: sono quelle spese il cui scopo è preservare e mantenere lo stato di conservazione dell’immobile, ma non quelle sostenute per eseguire migliorie. In pratica, qualsiasi lavoro di riparazione e ristrutturazione che mantiene invariate le caratteristiche dell’edificio sono di principio deducibili. Al contrario, non sono sostenute quelle spese fatte per costruire o ampliare ambienti nuovi. Questi tipi di lavori di manutenzione e di ristrutturazione possono essere affidati ad aziende non necessariamente svizzere, ma anche estere. In entrambi i casi, per ottenere la detrazione devono essere sottoposti le fatture e gli scontrini fiscali.
    N.B: nel caso in cui volessi svolgere da solo i lavori di ristrutturazione (senza affidarli a un’azienda terza), potrai dedurre solo il costo del materiale.
  • Premi di assicurazione: puoi avere anche delle deduzioni fiscali per i premi d’assicurazione contro incendi, di responsabilità civile del proprietario e contro le rotture dei vetri.

Inoltre, sono parzialmente o completamente deducibili le seguenti prestazioni professionali:

  • Spese per analisi energetiche, a condizione che gli interventi necessari siano eseguiti. Es: consulenza e certificato CECE.
  • Spese di progettazione per il risanamento di edifici esistenti. Es: spese per l’architetto.
  • Licenza edilizia: in occasione di lavori di risanamento (parziale) di edifici esistenti. 
  • Ponteggi, installazione di cantiere: spese sostenute in occasione di investimenti di risparmio energetico.
Categorie lavori detrazioni fiscali

Scarica ora la Guida completa agli incentivi 2021 per scoprire tutte le informazioni approfondite sui lavori che ti danno diritto a richiedere gli incentivi.