Incentivi 2021, scelte ecosostenibili

Incentivi 2021: cosa significa fare scelte ecosostenibili

Quando parliamo di scelte ecosostenibili a cosa ci riferiamo davvero? È possibile vivere in modo ecosostenibile e avere un minor impatto ambientale? E che ruolo hanno gli incentivi nel tema dell’ecosostenibilità?

Una politica a favore dell’ambiente

A dicembre 2020 si è tenuta la conferenza annuale di Ticino Energia nella quale il Direttore Fabrizio Noembrini e altri esperti hanno fatto il punto sugli incentivi previsti dal Cantone e dalla Confederazione nel 2021.

Se parliamo di incentivi, però, non possiamo fare a meno di parlare anche di ecosostenibilità e delle politiche che oggi l’intera Svizzera sta adottando a favore dell’ambiente e del clima, incentivando le persone a compiere azioni ecosostenibili nel loro modo di vivere.

Secondo Fabrizio Noembrini, Direttore di Ticino Energia, ancora troppi ticinesi oggi non fanno scelte a sostegno dell’ambiente. Dalle statistiche emerse, molti sostituiscono ancora caldaie a combustibili fossili con altre caldaie a combustibili fossili senza prendere in considerazione altre possibilità ecosostenibili, come le termopompe o le caldaie a condensazione. Perché questo? Perché la maggior parte dei cittadini non ha compreso appieno cosa sia la sostenibilità.

La responsabilità individuale di ogni persona

Fare scelte ecosostenibili significa scegliere impianti e fonti di energia che vanno a ridurre drasticamente la produzione di CO2 (anidride carbonica) nell’aria. Questa riduzione, però, non ha conseguenze positive soltanto sull’ambiente e sul cliema, ma ancora prima sul livello di salute di ogni persona e sulla qualità della vita per oggi e per il domani. Ecco perché non parliamo solamente di ecosostenibilità ambientale, ma di ecosostenibilità in senso lato.

Purtroppo ancora oggi c’è ancora poca informazione a riguardo e per questo diventa necessario dare ai cittadini tutte le informazioni e gli strumenti per metterli nella condizione di sapere qual è la soluzione ecosostenibile migliore per vivere meglio oggi e per lasciare un mondo più pulito alle generazioni future.

Gli incentivi 2021

Da anni la Svizzera ha intrapreso delle politiche sempre più improntate sull’ecosostenibilità e gli incentivi sono proprio uno degli strumenti che mette a disposizione dei cittadini per spingerli a sostituire i loro vecchi impianti a combustibili fossili con impianti moderni, alimentati da risorse rinnovabili.

Installare impianti a fonti rinnovabili (aria, acqua, sole, vento) aumenta notevolmente il valore degli immobili, dà diritto agli incentivi, appunto, e fa risparmiare sui costi delle bollette (quindi ha un grande vantaggio dal punto di vista economico).

Secondo Ticino Energia, nel 2020 in Ticino sono stati stanziati oltre 130 milioni CHF di incentivi e ce ne sono a disposizione di nuovi per il 2021. In particolare, i nuovi incentivi riguardano:

  • la conversione di vecchi impianti con impianti a pellet
  • la costruzione di nuovi edifici in classe CECE AA
  • la sostituzione di vecchie pompe di calore
  • le certificazioni CECE, Minergie, SQM e simili
  • lo smaltimento di vecchi impianti
  • le stazioni di ricarica per auto elettriche ad utilizzo privato

Cosa aspettarci dal Cantone e dalla Confederazione per il 2021-2025?

Tra il 2021 e il 2025, il Cantone metterà a disposizione dei propri cittadini un credito cantonale di 50 milioni CHF per i lavori in ambito energetico. 

Inoltre, tra il 2021 e il 2022, la Svizzera modificherà la Legge sulle emissioni di CO2 e la Legge Edilizia cantonale sull’Energia (che in pratica stabilisce le modalità di costruzione di nuovi edifici più performanti ed ecosostenibili al 100%).

A livello pratico, ecco i possibili cambiamenti (ma non ancora certi) che i proprietari di casa ticinesi potranno aspettarsi da queste modifiche di legge:

  1. Nel caso in cui il proprietario voglia sostituire il generatore di calore (caldaia) in casa, sarà obbligato a produrre almeno il 10% del calore da una fonte a energia rinnovabile e/o aumentando l’isolazione dell’abitazione (principio di cogenerazione) sostituendo i serramenti, isolando la facciata e/o il tetto, inserendo la ventilazione meccanica controllata.
  2. Il proprietario avrà l’obbligo di risanare i riscaldamenti elettrici centralizzati installando sistemi di distribuzione del calore (termosifoni, termoarredi, ventilconvettori, termoventilatori e sistemi radianti).
  3. Gli scaldacqua elettrici centralizzati dovranno essere risanati.
  4. Il risanamento di questi impianti dovrà essere effettuato dal proprietario entro 15 anni dalla modifica della Legge.

Scarica ora la Guida completa agli incentivi 2021 per scoprire tutte le novità che ti aspettano, come richiedere gli incentivi e soprattutto cosa fare per ottenerli.