Climatizzatori: dove posizionarli in casa per sfruttarli al massimo

Climatizzatori: dove posizionarli in casa per sfruttarli al massimo

Siamo ancora in pieno inverno, ma la stagione calda ci aspetta. Questo è il momento giusto per iniziare a pensare al tuo investimento. Leggi il nostro articolo per scoprire tutti i segreti di un condizionatore sfruttato al meglio.

Modello, classe e praticità

Quando scegli di acquistare un condizionatore, puoi scegliere una soluzione fissa o un condizionatore mobile. Tra i due, il condizionatore mobile è il più economico e puoi portarlo in ogni stanza in base alle tue necessità, ma è molto rumoroso, consuma tanta energia e ha bisogno di essere svuotato di continuo. Il condizionatore fisso, invece, è molto più pratico, ha consumi ridotti, non produce condensa in casa ed è più silenzioso, proprio perché il motore vero e proprio si trova all’esterno e scarica la condensa direttamente nell’aria. 

Nel momento dell’acquisto, inoltre, fai molta attenzione alla classe energetica e scegli sempre condizionatori in classe A o A+. Sebbene l’investimento iniziale sarà maggiore, risparmierai sulle bollette mensili e rientrerai della differenza di prezzo già dopo una sola estate! 

Previeni il caldo piuttosto che raffreddarlo 

Quando si parla di dispersione termica, prevenire è meglio che curare. Prima di installare un condizionatore e tenerlo accesso ininterrottamente da giugno a settembre, assicurati di avere dei serramenti adeguati, che prevengono la dispersione termica e non creano spifferi. Serramenti di qualità ti permettono di mantenere una temperatura interna più bassa e, se accendi il condizionatore, questo raffresca solo la tua casa e in poco tempo, senza cercare di rinfrescare l’intera atmosfera terrestre! 

Fresco sì, ma senza mal di schiena

Il condizionatore deve essere installato nelle stanze più calde della casa, ma anche quelle in cui trascorri più tempo: avere un bagno caldo, per esempio, non crea molto disturbo alla tua quotidianità, mentre una camera da letto o un salotto torrido possono rovinarti l’intera estate. 

Lo split interno va posizionato in alto e orientato in modo da non colpire direttamente zone della stanza dove sei solito trascorrere qualche momento di relax, come divani, letti o tavoli. 

Inoltre, lo split andrebbe installato vicino ad un muro perimetrale, per facilitare l’allacciamento con il motore esterno, ma non su una parete esposta al sole, perché il caldo del muro aumenterebbe i consumi. 

Se proprio non hai alternativa e devi installare il tuo condizionatore su una parete esposta al sole, utilizza delle tende solari esterne o sistemi di schermatura per ridurre la temperatura del muro e fare in modo che il condizionatore consumi meno energia.

Accendi il condizionatore solo quando serve

Per ottimizzare i consumi il primo accorgimento è quello di accendere il condizionatore solo quando sei in casa e solo nelle stanze abitate in quel momento: è inutile tenere acceso il condizionatore in camera se sei in salotto, così come è inutile accendere il condizionatore in salotto quando sei in ufficio. Programmare l’impianto per accenderlo circa mezz’ora prima del tuo rientro basta e avanza per farti trovare un’ottima frescura al tuo arrivo. 

Inoltre, un condizionatore può essere molto utile nei momenti più caldi della giornata, ma non va tenuto accesso 24 ore su 24, perché crea uno shock termico tra l’esterno e l’interno e rende l’aria di casa troppo secca, causando disturbi come bronchiti e mal di testa. Al mattino e alla sera, per esempio, l’aria esterna è più fresca e per abbassare la temperatura in casa basta far uscire l’umidità e creare un po’ di corrente d’aria aprendo più finestre, senza per forza ricorrere al condizionatore. 

Se hai i pinguini in salotto, forse hai esagerato 

Per evitare malanni legati allo sbalzo termico, il condizionatore non deve ricreare il Polo Nord. Basta impostare la temperatura a 3/4 gradi in meno rispetto alla temperatura di partenza, 5/6 gradi nelle giornate più afose, e proverai subito una sensazione di freschezza, senza sovraccaricare l’impianto, sprecare energia e danneggiare la tua salute. 

Il consiglio in più: la sensazione di caldo torrido è causata più dall’umidità che dalle temperature. Prova ad alternare l’uso del condizionatore ad un deumidificatore, e respirerai meglio anche se la temperatura dell’aria resta costante.

Richiedi una manutenzione professionale 

Per avere un condizionatore efficiente, almeno una volta all’anno devi provvedere alla pulizia dei filtri per evitare che germi e batteri prolifichino all’interno dello split e, con il flusso d’aria, si diffondano per tutta la casa. Oltre a questo, però, un condizionatore necessita anche di una revisione periodica per verificare che le tubature siano pulite e il motore funzioni in modo efficiente. La manutenzione straordinaria deve essere effettuata da un tecnico qualificato almeno ogni 2 anni, meglio se in primavera, per assicurarti che l’impianto resti performante per tutta l’estate, senza bloccarsi all’improvviso o consumare più del dovuto. 

Vuoi installare un nuovo condizionatore per goderti un’estate senza afa? Questo è il momento giusto! Richiedi 3 preventivi ai professionisti del Ticino e scegli l’offerta più adatta a te. 

Whatsapp Chat
Invia tramite WhatsApp